Vai al contenuto principale
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria / Coronavirus: updates for UniTo Community
Oggetto:
Oggetto:

Sport tecnico-combinatori - Asti A

Oggetto:

Technical-combinatorial sports - Asti A

Oggetto:

Anno accademico 2022/2023

Codice attività didattica
SUI0148_ASTI A
Corso di studio
[091701] SCIENZE DELLE ATTIVITÀ MOTORIE E SPORTIVE
Anno
1° anno
Periodo
Annuale
Tipologia
Di base
Crediti/Valenza
10
SSD attività didattica
M-EDF/01 - metodi e didattiche delle attivita' motorie
M-EDF/02 - metodi e didattiche delle attivita' sportive
Erogazione
Tradizionale
Lingua
Italiano
Frequenza
Obbligatoria
Tipologia esame
Scritto più Prova pratica
Tipologia unità didattica
corso
Prerequisiti
Oggetto:

Sommario insegnamento

Oggetto:

Obiettivi formativi

Assicurare un'adeguata conoscenza e competenza di base su metodi e didattiche delle discipline riferibili a sport tecnico-combinatori. 

Valorizzare le valenze coordinative di tale disciplina arricchendo il bagaglio motorio e sportivo.

Proporre attività diversificate che sviluppino l'aspetto creativo per favorire la capacità di "problem solving" nei diversi ambiti  quali  educativo/scolastico e motorio/sportivo.

Ensure the student achieves adequate knowledge and the fundamental skills concerning the methods and teaching of the disciplines as applied to techno-combinatorial sports.

Emphasis on coordination features to enhance motor and sports competences through activities to develop creative aspects.

Offer a range of diverse activities which develop creative aspects to acquire "problem solving" skills in different areas including educational/schooling and motor/sports.

Oggetto:

Risultati dell'apprendimento attesi

Al termine dell’insegnamento lo studente

  • Dovrà essere in grado di eseguire gli elementi di base proposti nel  programma, secondo i principi della ginnastica ritmica e della ginnastica artistica, attraverso l’analisi della postura e della modulazione dell’energia muscolare per ottenere una consapevole gestione dei  segmenti corporei.
  • Dovrà riconoscere e descrivere i contenuti tecnici  che caratterizzano le azioni motorie specifiche dei due moduli.
  • Saper utilizzare in modo adeguato la terminologia specifica della ginnastica.
  • Dovrà essere in grado di applicare le competenze acquisite nel corso di studio sport tecnico-combinatori per  progettare e costruire dei percorsi di apprendimento differenziati  a seconda dell’età e dell’ambito lavorativo (scolastico, pre-sportivo e sportivo…).
  • Saper trasferire e modificare le abilità caratterizzanti la ginnastica  per strutturare, secondo i principi di un apprendimento variato e multilaterale,  abilità specifiche di altre discipline sportive.

At the end of the course:

  • The student must be able to perform the basic elements proposed in the program, according to the principles of rhythmic and artistic gymnastics and through the analysis of posture and modulation of muscular energy in order to achieve a conscious management of the body.
  • The student must recognize and describe the technical contents that characterizes the specific motor skills of the two modules.
  • The student must know how to properly use the specific gymnastics terminology.
  • The student must be able to design and build educational programs that are divided up according to age and the work environment (school, pre-sports and sports ...).
  • The student must be able to apply the skills acquired during the technical-combinatorial sports course to design and build differentiated educational courses according to age and the work environment (school, pre-sports and sports ...).
  • The student must know how to transfer and modify the skills characterizing gymnastics for structuring, according to the varied and multilateral learning principles of the specific abilities of various sports disciplines.
Oggetto:

Programma

Programma specifico Ginnastica Ritmica

EDUCAZIONE AL RITMO 

▪ Ritmo semplice

▪ Ritmo composto

▪ Fasi di lavoro (Successione di impulsi uguali, accenti e raggruppamenti, ritmo vero e proprio)

▪ Notazione musicale

▪ Esercitazioni pratiche

ESERCIZI A CORPO LIBERO

▪ Modalità di spostamento

▪ Impostazione della colonna vertebrale

▪ Schemi posturali, esercizi elementari, assi e piani di lavoro

▪ Combinazioni di elementi

▪ Esercitazioni pratiche e studi dedicati

I PICCOLI ATTREZZI: fune, cerchio, palla, clavette e nastro.

▪ Introduzione ai piccoli attrezzi: maneggio, controllo e tenuta.

▪ Didattica: diverse modalità di approccio con i piccoli attrezzi

▪ Elementi tecnici propri degli attrezzi

▪ Destrezza e abilità corpo/attrezzo

L'ATTIVITÀ' DI SQUADRA: avviamento al lavoro collettivo.

▪ Corpo – spazio – compagno/i – attrezzo/i

▪ Evoluzioni per il senso dello spazio

▪ Applicazioni pratiche degli esercizi individuali alla coppia, alla terziglia e a piccoli gruppi

▪ Abilità specifiche per il lavoro di squadra

▪ Il lavoro collettivo con i piccoli attrezzi

PROGRAMMA TEORICO IN SINTESI

  1. Storia e stato attuale della disciplina -  Precursori e affermazione della disciplina -  La FGI (organizzazione sportiva e di formazione).
  2. Capacità e abilità motorie caratterizzanti la ginnastica ritmica.
  3. Caratteristiche dello sport -  Principi tecnici esecutivi della disciplina.
  4. Il  ritmo - Principi teorici.
  5. Cenni sull'allenamento specifico della GR.
  6. Avviamento al lavoro collettivo - Dal corpo libero ai piccoli attrezzi.

 

Programma specifico Ginnastica Artistica

PROGRAMMA TEORICO

1)La GINNASTICA: attività motoria di base; il suo valore educativo e formativo.

2)Cenni di storia e organizzazione C.I.O., F.I.G., U.E.G., F.G.I. (sezioni Olimpiche e non).

3)Terminologia ginnastica: Definizione di assi e piani di lavoro, Atteggiamenti e Attitudini del corpo, Unità e Schemi Motori di Base (Statici/tridimensionali: esercizi elementari degli arti e del busto e dinamici/tetradimensionali: camminare, correre, lanciare, rotolare, arrampicare, ecc), Capacità ed abilità coordinative (studio del ritmo, dell'equilibrio, ecc).

4)Attrezzature e norme di sicurezza nella palestra. Le caratteristiche tecnologiche e strutturali degli attrezzi propri della ginnastica artistica. L'assistenza. La disposizione dei tappeti. Le attrezzature facilitanti.

5)Il Riscaldamento Generale e Specifico. La Preparazione Fisica Generale e Specifica. Il Condizionamento muscolare: cenni di come allenare/condizionare la mobilità articolare e l'elasticità muscolare, la forza veloce, la forza statica e la resistenza alla fatica.

6)Classificazione e Definizione tecnica degli elementi ginnastici di base al Corpo Libero propri della ginnastica artistica, Metodiche didattica di insegnamento, Preparazione Fisica e Tecnica Specifica, Errori ed Assistenza.

PROGRAMMA PRATICO

1)Il Riscaldamento Generale e Specifico.

2)Metodologie di lavoro per il miglioramento della flessibilità, delle coordinazioni Generali e Speciali.

3)Cenni di pianificazione dell'allenamento

4)Elementi di base al Corpo Libero di pre-acrobatica ed acrobatica: rotolamenti delle diverse direzioni, A.R.R., rovesciamento laterale (ruota), ribaltamento laterale (rondata), esempi di evoluzioni in appoggio (pre-mulinelli).  Esercizi statici di equilibrio. Esercizi di mobilità articolare.

5)Introduzione alla Coreografia: salti artistici (chassè, salto del gatto, sforbiciata tesa avanti, basilea), giri perno su uno o due avampiedi, collegamenti.

6)Esercizi di base e di primo contatto a tutti gli attrezzi propri della ginnastica artistica ed acrobatica.

7)Trampolino Elastico: salti in estensione con diverso atteggiamento del corpo, anche con rotazioni A.L., studio del ribaltamento del corpo in avanti e indietro, studio del salto giro avanti, cenni alle rotazioni del corpo indietro.

8)La trave: Andature e lavoro di base alla trave. Entrate trave bassa. Posizioni di equilibrio su un arto, in ginocchio, seduti, decubito. Saltelli, giri, onde. Capovolta rotolata avanti..Uscite in estensione, raggruppato, divaricato, carpiato, rondata. (programma femminile).

9) Cavallo con maniglie: Traslocazioni anche sulla cavallina, slanci centrali, frontali e dorsali, sotto entrate e sotto uscite ( programma maschile). 

9 bis )Parallele pari: ( in alternativa al punto 9 ): : squadra in appoggio ritto, slanci in appoggio ritto, capovolta avanti in appoggio omerale, verticale rovesciata in sospensione e in appoggio omerale, uscita in valicamento laterale.

Rhythmic Gymnastics

RHYTHMIC EDUCATION

▪ Simple rhythm

▪ Complex rhythm

▪ Work phases (Succession of equal impulses, accents and groupings, actual rhythm itself)

▪ Musical notations

▪ Practical exercises

 

FREE BODY EXERCISES

▪ Modality of movement

▪ Setting the spine

▪ Postural schemes, elementary exercises, axes and work plans

▪ Combinations of elements

▪ Practical exercises and dedicated studies

 

SMALL APPARATUS: rope, hoop, ball, clubs, ribbon

▪ Introduction to small apparatus

▪ Didactics: different approaches with small apparatus

▪ Technical elements specific to the apparatus

▪ Dexterity and body / apparatus skills

 

TEAM ACTIVITY: starting group work

▪ Body - space – team-mates - apparatus

▪ Evolutions for the spatial sense

▪ Practical applications of individual exercises to couple, trio and small groups

▪ Specific skills for teamwork

▪ Collective work with small apparatus

 

SUMMARY OF THE THEORETICAL PROGRAMME

▪ History and current status of the discipline: precursors and affirmation

▪ Motor skills and abilities that characterize rhythmic gymnastics

▪ Characteristics of the sport: overview of specific GR training

▪ Starting group work: theoretical principles

 

 ARTISTIC Gymnastics Program

THEORETICAL PROGRAM

1)GYMNASTICS: basic motor activity; its educational and training value.

2)Outline of history and organization C.I.O., F.I.G., U.E.G., F.G.I. (Olympic and non-Olympic sections).

3)Gymnastics terminology: Definition of axes and work planes, Attitudes and Attitudes of the body, Basic Motors and Basic Schemes (Static / three-dimensional: elementary exercises of limbs and bust and dynamic / tetradimensional: walking, running, throwing, rolling, climbing, etc). Coordinative skills and abilities (study of rhythm, balance, etc.).

4)Equipment and safety standards in the gym. The technological and structural characteristics of the tools of artistic gymnastics. The assistance. The arrangement of the carpets. Facilitating equipment.

5)General and Specific Heating. General and Specific Physical Preparation. Muscular conditioning: an outline of how to train / condition joint mobility and muscle elasticity, fast strength, static strength and fatigue resistance.

6)Classification and technical definition of gymnastic elements based on the Free Body of artistic gymnastics, Teaching teaching methods, Physical Preparation and Specific Technique, errors and Assistance.

PRACTICAL PROGRAM

1)General and Specific Heating.

2)Work methodologies for improving flexibility, General and Special coordination.

3)Outline of training planning

4)Basic elements of the Free Body of pre-acrobatic and acrobatic: rollings of the different directions, A.R.R., lateral overturning (wheel), lateral overturning (round), examples of developments in support (pre-reels). Static equilibrium exercises. Joint mobility exercises.

5)Introduction to Choreography: artistic jumps (chasse, cat jump, scissor kick tense, basel), pivot turns on one or two forefoot connections.

6)Basic and first contact exercises in all the tools proper to artistic and acrobatic gymnastics.

7)Trampoline Elastic: extension jumps with different body attitudes, even with rotation around the axle a.l. Study of the reversal of the body forward and backward, study of the jump forward, notes on the rotations of the body backwards.

8)The beam: gaits and basic work on the beam. Enter a low beam. Positions of balance on a limb, kneeling, sitting, decubitus. Hops, laps, waves. Upside down rolled forward..Exit in extension, grouped, split, pike, round. (female program).

9) Pommel Horse: : Translocations also on the horse, central, frontal and dorsal thrusts, under entrances and under exits (male program). 

9 bis) Parallel bars (as an alternative to point 9): standing support team, upright support impulses, upside down forward in humeral support, upside down vertical in suspension and in humeral support, exit in lateral crossing. (male program).

Oggetto:

Modalità di insegnamento

Le lezioni dell'insegnamento hanno una durata complessiva di 130 ore. Salvo ulteriori restrizioni ingenerate dall'andamento pandemico, che verranno prontamente comunicate, la modalità di somministrazione del corso prevede lezioni frontali in presenza con eventuali videoregistrazioni delle medesime sulla piattaforma Webex, in ogni caso verranno fornite lezioni video registrate o audio-presentazioni specificatamente allestite. Il materiale didattico verrà reso disponibile tramite la piattaforma Moodle attraverso la pagina E-Learning. Le istruzioni per l'utilizzo della piattaforma sono disponibili a questo link. Le esercitazioni tecnico-pratiche si svolgeranno a piccoli gruppi, secondo la calendarizzazione che sarà resa anticipatamente nota sulla scheda insegnamento. Fino a quando l'emergenza sanitaria sarà in corso, la frequenza alle lezioni non sarà obbligatoria.

Teaching classes last 130 hours. Provided there have been no later restrictions due to the pandemic situation, which will be promptly communicated, the course’s methods of administration provide front lectures in attendance with possible video records of the same on the Webex platform. In any case, video records lessons or audio presentations will be supplied, specifically prepared. The teaching material will be available by means of the Moodle Platform through the E-learning page. Instructions on how to use the platform are available at this link. Technical-practical exercises will be carry out in small groups, according to scheduling that will be announced in advance on the teaching board. As long as the medical emergency is ongoing, attendance to lectures is not mandatory.

Oggetto:

Modalità di verifica dell'apprendimento

Valutazione delle conoscenze e delle competenze tecniche e didattiche specifiche delle due discipline, attraverso prove pratiche, ai piccoli e grandi attrezzi, individuali e collettive e prove teoriche (test strutturati). Le prove pratiche, a cura dei singoli docenti, si svolgeranno preferibilmente durante l’anno accademico, sotto forma di esonero pratico.

Il voto finale di ogni singolo modulo, espresso in trentesimi, scaturisce dalla media tra la prova pratica e la prova teorica.

La valutazione finale di sport tecnico-combinatori risulterà dalla media dei moduli di ginnastica artistica e ginnastica ritmica. 

Particolari situazioni potranno richiedere il completamento dell’esame con domande orali (una o due domande del valore di un punto ciascuna). In casi specifici potranno essere richiesti progetti individualizzati.

Modulo ginnastica ritmica

L’apprendimento verrà verificato tramite un test finale costituito da 40 domande a risposta multipla (una risposta esatta e tre errate) con una durata massima di 35’. Voto in trentesimi. A ciascuna risposta esatta sarà assegnato il punteggio 0,75 (risposte errate e risposte nulle = 0,00). Il test si intende superato con un punteggio  ≥ 18/30.

Modulo ginnastica artistica

L’apprendimento verrà verificato tramite un test finale costituito da 40 domande a risposta multipla (una risposta esatta e tre errate) con una durata massima di 35 minuti. Voto in trentesimi. A ciascuna risposta esatta sarà assegnato il punteggio 0,75 (risposte errate e risposte nulle = 0,00). Il test si intende superato con un punteggio  ≥ 18/30.

Evaluation of the specific technical and teaching knowledge and skills of the two disciplines, through practical tests, on small and large apparatus, both individual and collective. The theoretical tests will include structured and unstructured written tests. Individual projects will also be required in specific cases. 

The final grade of each individual module, expressed in thirtieths, is the outcome of the average between the practical and the theoretical tests.

The final evaluation of technical-combinatorial sports will result from the average of the modules of artistic and rhythmic gymnastics.

Testi consigliati e bibliografia



Oggetto:
Libro
Titolo:  
Avviamento al lavoro collettivo
Anno pubblicazione:  
1996
Editore:  
Edi Ermes Milano
Autore:  
Rosato M.R., Tinto A.
Obbligatorio:  
Si
Oggetto:

GINNASTICA RITMICA

  • Rosato M.R., Tinto A. (1996). Avviamento al lavoro collettivo, Edi Ermes, Milano.
  • Aparo M. et al. (1998). Ginnastica Ritmica, Ed. Piccin, Padova.
  • Ceriani G. (2003). Il senso del ritmo, Meltemi Edizioni,Milano.

Letture ed approfondimenti

  • Weineck J. (2001). L’allenamento ottimale, Calzetti Mariucci, PG.
  • Richard A. Schmidt, Craig A. Wrisberg (2000). Apprendimento motorio e prestazione, SSS, Roma.
  • Lisitskaja T.S. (1985). Ginnastica ritmica, SSS, Roma.
  • Meinel K. (1984). Teoria del movimento, SSS, Roma.
  • Tinto A., Campanella M. (2017). Italian primary school: specific role of rhythmic education in young children of 10 years . In: D. Colella, B. Antala, S. Epifani. Physical Education in primary school. Researches, Best practices, Situation. p. 465-476, LECCE:Pensa MultiMedia.

Dispense

  • Tinto A. Il Ritmo-Aspetti generali

GINNASTICA ARTISTICA

  • Dispense del docente 
  • Scotton C., Senarega D., "Corso di Ginnastica Artistica " - Ed. Libreria Cortina, 4° ed. - Torino 2012
  • Scotton C, Comoglio M. Ginnastica. Specialità sportive e gioco –sport. 3 edizione. Edizioni Libreria Cortina, Torino,  2015

Letture ed approfondimenti

  • Cartoni A.C., Putzu D., " Ginnastica artistica femminile " - Edi-Ermes, Milano 1990
  • Grandi B., "Didattica e metodologia della ginnastica artistica " -  Società Stampa Sportiva - Roma 1980
  • Monticelli M. "Il mini trampolino elastico in ginnastica artistica"  - Società Stampa Sportiva - Roma 1984
  • Luppino C. "Ginnastica artistica femminile - Tecnica, didattica , metodologia, assistenza" - Sport Action Editor - Roma 2005

GINNASTICA RITMICA

  • Rosato M.R., Tinto A. (1996). Avviamento al lavoro collettivo, Edi Ermes, Milano.
  • Aparo M. et al. (1998). Ginnastica Ritmica, Ed. Piccin, Padova.
  • Ceriani G. (2003). Il senso del ritmo, Meltemi Edizioni,Milano.

Letture ed approfondimenti

  • Weineck J. (2001). L’allenamento ottimale, Calzetti Mariucci, PG.
  • Richard A. Schmidt, Craig A. Wrisberg (2000). Apprendimento motorio e prestazione, SSS, Roma.
  • Lisitskaja T.S. (1985). Ginnastica ritmica, SSS, Roma.
  • Meinel K. (1984). Teoria del movimento, SSS, Roma.
  • Tinto A., Campanella M. (2017). Italian primary school: specific role of rhythmic education in young children of 10 years . In: D. Colella, B. Antala, S. Epifani. Physical Education in primary school. Researches, Best practices, Situation. p. 465-476, LECCE:Pensa MultiMedia.

Dispense

  • Tinto A. Il Ritmo-Aspetti generali

GINNASTICA ARTISTICA

  • Dispense del docente 
  • Scotton C., Senarega D., "Corso di Ginnastica Artistica " - Ed. Libreria Cortina, 4° ed. - Torino 2012
  • Scotton C, Comoglio M. Ginnastica. Specialità sportive e gioco –sport. 3 edizione. Edizioni Libreria Cortina, Torino,  2015

Letture ed approfondimenti

  • Cartoni A.C., Putzu D., " Ginnastica artistica femminile " - Edi-Ermes, Milano 1990
  • Grandi B., "Didattica e metodologia della ginnastica artistica " -  Società Stampa Sportiva - Roma 1980
  • Monticelli M. "Il mini trampolino elastico in ginnastica artistica"  - Società Stampa Sportiva - Roma 1984
  • Luppino C. "Ginnastica artistica femminile - Tecnica, didattica , metodologia, assistenza" - Sport Action Editor - Roma 2005


Oggetto:

Note

Sala riunioni personale di Claudio Giovanni Scotton:
https://unito.webex.com/meet/claudio.scotton

Per partecipare alle esercitazioni pratiche di ginnastica artistica gli studenti sono tenuti a presentarsi con pantaloni tipo ciclisti e maglietta aderente, le studentesse con body.
I colori sono facoltativi, è concesso indossare anche i leggings.
Altri indumenti non sono permessi.
Tutti con scarpette per ginnastica artistica o calzini di spugna bianchi.
 

GINNASTICA RITMICA

Sala riunioni personale di Silvia Bruno:
https://unito.webex.com/meet/silvia.bruno

Abbigliamento lezioni pratiche di Ginnastica Ritmica: pantalone/leggins nero, t-shirt bianca, scarpette/paperine da ginnastica

Lezione pratica venerdì 15/10/2021                          

- Corso AT2: ore 13.00-14.30

- Corso AT3: ore 14.30-16.00

- Corso AT1: ore 16.00-17.30

Lezione pratica venerdì 22-29/10/2021

- dalle 11.30 alle 13.00 AT1

- dalle 13.00 alle 14.30 AT2

- dalle 14.30 alle 16.00 AT3

Lezione pratica venerdì

Mesi novembre e dicembre 2021

- dalle 11.30 alle 13.00 AT1

- dalle 13.00 alle 14.30 AT2

- dalle 14.30 alle 16.00 AT3

Oggetto:

Orario lezioniV

Lezioni: dal 11/10/2021 al 01/06/2022

Nota: ARTISTICA
Lezioni teoriche a corsi riuniti:
mercoledì 13.00-14.00 (I° semestre)
Lezioni pratiche (annuali):
corso AT3: mercoledì 8.30-10.00
corso AT2: mercoledì 10.00-11.30
corso AT1: mercoledì 11.30-13.00
Ove possibile le lezioni saranno erogate in presenza, presso l'impianto, Palestra Via Pietro Micca, 1 (Asti)

RITMICA
Lezioni teoriche a corsi riuniti:
venerdì 11.30-12.30 (I° semestre)
Lezioni pratiche (annuali):
corso AT2: venerdì 13.00-14.30
corso AT3: venerdì 14.30-16.00
corso AT1: venerdì 16.00-17.30
Ove possibile le lezioni saranno erogate in presenza, presso l'impianto, Palestra Via Pietro Micca, 1 (Asti)

Registrazione
  • Chiusa
    Apertura registrazione
    01/10/2022 alle ore 00:00
    Chiusura registrazione
    15/06/2023 alle ore 00:00
    N° massimo di studenti
    180 (Raggiunto questo numero di studenti registrati non sarà più possibile registrarsi a questo insegnamento!)
    Oggetto:
    Ultimo aggiornamento: 23/05/2022 10:12